INFO UTILI – Eccesso di velocità: tutto quello che c’è da sapere

La multa per eccesso di velocità è tra le multe più frequenti notificate agli automobilisti.
Ovviamente il limite sulle strade non è identico per tutti i casi, dipende infatti dalla tipologia della strada percorsa e anche dal tratto stradale:

  • percorsi urbani 50 km/h;
  • strade urbane di scorrimento 70 km/h (questi tratti devono essere segnalati puntualmente e vengono stabiliti con delibera comunale);
  • strade extraurbane secondarie 90 km/h;
  • strade extraurbane principali 110 km/h;
  • autostrade 130 km/h.

Gli importi delle multe per eccesso di velocità, dipendono dai km/h rilevati in più rispetto al limite di legge. Abbiamo diverse fasce di importo, importo sulla quale va considerata la variabile dell’orario in cui viene rilevata l’infrazione, poiché la multa viene maggiorata se l’eccesso di velocità avviene fra le 22 e le 7 (dunque durante la notte).

Andando nel dettaglio:

  • se si supera il limite di 5 km/h sotto i 100 km/h oppure di un massimo del 5% sopra i 100 km/h, la multa emessa dai sistemi elettronici di rilevamento viene considerata nulla (come se non fosse mai esistita);
  • fino a 10 km/h in più rispetto al limite: multe da 41 a 168 euro, che vanno da 54,67 a 224 euro se l’infrazione viene rilevata in orario notturno;
  • tra 10 km/h e 40 km/h: multe da 168 a 674 euro, che vanno da 224 a 898,67 euro se rilevata in orario notturno;
  • tra 40 km/h e 60 km/h: multe da 527 a 2.108 euro e sospensione della patente da uno a tre mesi, multe che vanno da 702,67 a 2.810,67 euro se rilevata in orario notturno;
  • superati i limiti oltre i 60 km/h le multe vanno da 821 a 3.287 euro più la sospensione della patente da sei a dodici mesi, multe che vanno da 1.094,67 a 4.382,67 euro se rilevata tra le 22 e le 7.

Multa per eccesso di velocità: punti patente

Oltre alla sanzione pecuniaria, l’eccesso di velocità nei casi più gravi viene punito sottraendo punti patente al conducente, in particolare:

  • entro i 10 km/h non viene sottratto alcun punto;
  • tra 10 e 40 km/h vengono sottratti fino a 5 punti;
  • tra 40 e 60 km/h vengono sottratti fino a 10 punti;
  • oltre i 60km/h vengono sottratti 10 punti.

Il Codice della Strada prevede che la violazione debba essere notificata immediatamente, ma come detto, quasi sempre nel caso dell’eccesso di velocità si tratta di una rilevazione elettronica, come le multe autovelox, non contestabile in tempo reale. In questi casi il verbale deve essere notificato al proprietario del veicolo entro 90 giorni dall’accertamento. Se la notifica parte oltre i 90 giorni, la multa notificata in ritardo viene annullata, a meno che non ci siano state comprovate difficoltà nell’identificazione del conducente (come nei casi di veicoli dati in uso a più soggetti di una famiglia o di un’azienda).

Come fare ricorso ad una multa per eccesso di velocità

Se hai verificato la data della notifica e le informazione hai individuato la possibilità di fare ricorso per annullare il verbale (come la presenza di errori o omissioni, come mancata indicazione del giorno, del luogo o della località dell’infrazione, della targa o della norma violata), puoi fare ricorso, decidendo se rivolgerti al Prefetto oppure al Giudice di Pace.
Prima di contestare una multa le cose da sapere sono:

  • non si possono fare entrambi i ricorsi;
  • non bisogna pagare la multa in caso di ricorso;
  • con residenza in talia si ha 30 giorni per il ricorso al Giudice di Pace, mentre i residenti all’estero ne hanno 60;
  • i termini per presentare ricorso al Prefetto sono 60 giorni sia per i residenti in Italia, sia per i residenti all’estero.

Per il ricorso presso il Giudice di Pace è previsto un costo di 43 euro per le multe fino a 1.033 euro, mentre per multe fino a 1.100 euro occorre aggiungere il costo del bollo da 27 euro, dai 1.100 euro in su i costi per contributi e bollo crescono al crescere dell’importo della sanzione. Questi costi saranno però rimborsati nel caso in cui il ricorso venga accettato.
Il ricorso al Prefetto, invece, è gratuito ma, dettaglioimportante, la multa raddoppia se il ricorso non viene accettato.

Multa per eccesso di velocità: stato di necessità

Ultimo caso scuola: limiti di velocità violati perché stiamo trasportando un ferito o una partoriente o stiamo correndo per evitare un grave rischio?

L’art. 4 della L. 669/1981 stabilisce che:

Non risponde delle violazioni amministrative chi ha commesso il fatto nell’adempimento di un dovere o nell’esercizio di una facoltà legittima ovvero in stato di necessità o di legittima difesa.

In questo caso per poter presentare ricorso, occorrerà dimostrare (con prove documentali come ricoveri o denunce alle autorità) che si aveva la reale necessità di salvare qualcuno o la volontà di evitare un danno grave e imminente a una persona.